La Torretta, Fuè 2016

(210 parole)

Due cose colpiscono del Fuè 2016 della casa vinicola La Torretta: il colore, che la retroetichetta a ragione definisce corallo con sfumature granato, e un profumo che si divide equamente tra sensazioni dolci fruttate (quasi caramellose) e floreali (un pot-pourri di petali misti non eccessivamente secchi) da un lato e venature sapide minerali e ed ematiche dall’altro, ma contemporaneamente. Questo vino rosato del Salento a base Negroamaro ha un carattere deciso, che magari non mi appartiene in pieno, ma s’impone.

Se lo lasci riscaldare un poco nel calice (posto che non va bevuto mai troppo freddo), dietro le quinte del fruttato emergono note precise di erbe aromatiche mediterranee secche e, insieme, quasi la fragranza di pasta di mandorle. In bocca è estremamente equilibrato, tanto che perfino l’esuberanza alcolica (15° vol.) viene bilanciata alla perfezione da freschezza e sapidità in primo piano che accentuano il sospetto di un’arancia sanguinella, un po’ mimetizzata all’olfattiva e che invece s’intensifica sorso dopo sorso.

Il finale è un po’ ammandorlato e gradevole, netto e lungo. Per il temperamento che ha, lo vedo più con la carne di maiale o con un filetto di vitello che con il pesce, anche se potrebbe accompagnare un piatto di pasta con frutti di mare e un pesce spada non proprio nudo.

La Torretta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...