Quartomoro, Orriu, BSS Bio

(344 parole)

Ovvero, “storia di un abbinamento sbagliato”. C’era la bottarga di muggine portata direttamente dal cugino autoctono e, che facciamo?, dobbiamo metterci un vino sardo! Per forza… Ma ahinoi, non possiamo realizzare l’abbinamento tradizionale con la Vernaccia di Oristano, perché durante le feste natalizie i miei concittadini hanno deciso di scoprire perfino i vini sardi (che tutto il resto dell’anno snobbano, speriamo si ravvedano, almeno…).

Quartomoro - Orriu - BSS BIO - IGT SARDEGNASu questa bottiglia cadono gli occhi e, per uno strano effetto a catena della gravità, di seguito anche le mani. E così il BSS Bio della serie Òrriu di Quartomoro (da uve Vermentino) del 2015 arriva a casa. Diciamolo subito: forse la pasta non è riuscita come doveva e magari, da siciliano, sono abituato al sentore più incisivo della bottarga di tonno, ma l’abbinamento non è riuscito come pensavo. O, comunque, il vino vale molto di più.

Giallo paglierino carico, già tendente al dorato, brillante, ha una consistenza magnifica, un passo pesante, quasi quello di una calma distesa di mare: volentieri rimani a guardarlo resistere alla rotazione. Al naso, l’intensità è crescente: non vi spaventate se, dapprincipio, sentite poco per via della temperatura troppo bassa o dei primi contatti con l’aria. Credetemi, gli basta poco per crescere, così come al gusto. Avvertirete senza fatica il mirto e la mineralità del vino, erbe aromatiche secche, ma anche sentori tipici dei metodi classici: una crosta di pane, come sfregata sulla scorza di un limone.

In bocca, questo agrumato matura, ma in forma liquorosa, e si accompagna alla sapidità e a una nota più vulcanica, senza compromettere la freschezza. Non sembra particolarmente intenso, eppure è un vino tenace, che nella retrolfattiva rivela tracce di frutta a guscio e sposerebbe un primo con pesce di scoglio e qualche secondo di mare semplice. Attenzione alla curva di sapidità, in crescendo, anche se sempre misurata: vanno benissimo guazzetti mediterranei, ma eviterei capperi e olive. Elegante, il BSS BIO di Quartomoro non è un vino che sgrassi, ma alternativamente asciuga e rinfresca in un gioco nel quale le pietanze saltano su come su una giostra. Ammaliante, una sfida!

Quartomoro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...